Sezione radioamatori da 75 anni – Trento

TRENTO – Festeggiati i 75 anni della sezione ARI (Associazione Radioamatori Italiani) di Trento. La più anziana d’Italia.

 

TRENTO – La sezione ARI (Associazione Radioamatori Italiani) di Trento, intitolata al primo presidente Danilo Briani
(in sigla I2CN), che la fondò nell’autunno del 1934 ha festeggiato il
suo 75° compleanno. In assoluto è la sezione radioamatoriale più
anziana d’Italia e tra le prime a livello mondiale. Oggi conta 139
iscritti con presidente Andrea Mongera (IN3HEZ), i
quali ogni venerdì sera s’incontrano nella sede sociale in Via Conci 86
(ex-scuole Pasi a Madonna Bianca), per organizzare diverse attività
connesse alla divulgazione i vari sistemi di radiocomunicazione. Per
l’occasione è stata allestita un’interessante mostra di apparati,
strumentazioni e testimonianze di oltre un secolo di
radiocomunicazioni. Esposti apparati dal 1940 ai giorni d’oggi, con
delle preziose schede tecniche sul loro funzionamento. Particolarmente
ammirato l’apparato «Enigma». Una macchina per cifrare (e decifrare) i
messaggi segreti, per mezzo di un complicato sistema elettro-meccanico,
a tre cilindri con 26 lettere che consente miliardi di possibili
combinazioni, al servizio delle forze armate tedesche durante l’ultimo
conflitto mondiale. Sistema sviluppato dal tedesco Arthur Scherbius nel
1918, ispirandosi al disco cifrante del matematico italiano Leon
Battista Alberti. Apparato ritrovato in una polverosa cantina a Ravina
di Trento, e quindi pazientemente restaurato e messo in funzione dal
radioamatore Federico Luchi (IN3AHO). Un pezzo assai
raro valutato nelle aste anche oltre 40.000 euro. Interessante anche il
convegno sul ruolo e il futuro dei radioamatori (specialmente nel campo
della protezione civile e l’assistenza radio), con l’intervento del
presidente ARI regionale Pierluigi Andrighetto, e di quello nazionale Giancarlo Sanna
(IS0ISJ). A titolo di cronaca, il più anziano anagraficamente tra i
radioamatori trentini (e nazionali) è l’ex-pilota del nucleo elicotteri
dei VVF di Trento Ernesto Zanlucchi (IN3ZHE), mentre tra quelli che hanno la licenza ministeriale più datata Flaviano Brunelli di Sarche (IN3ZTI) e Mario De Varda di Pergine (IN3SQ).

 

  

 

 

 

   

nella foto: il convegno sul futuro dei radioamatori, la mostra e l’apparato «Enigma».   

FONTE: http://www.valledeilaghi.it/cms/index.php

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ATTUALITA'. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...